Romolo e Remo

La leggenda vuole che Ascanio, figlio dell’eroe e del troiano Enea, un tempo fondò la città di Alba Longa sulle rive del fiume Tevere. Tra i discendenti che regnarono su questa popolazione, ci sono Numitor e suo fratello Amulio. Quest’ultimo detronizzò Numitore e, per non avere discendenti che usurpassero il trono, condannò sua figlia Rea Silvia ad essere sacerdotessa perché rimanesse vergine.

Tuttavia, Marte, il dio della guerra, ha generato i gemelli Romolo e Remo in Rea Silvia. Quando sono nati, sono stati abbandonati e gettati in una cesta nel fiume Tevere. La corrente li trascinava nell’area dei sette colli, sulla strada per la foce del Tevere, e furono soccorsi e allattati da colui noto come lupo Luperca o lupo capitolino.

La lupa portò i fratelli nella loro tana sul Colle Palatino finché non furono trovati da un pastore e da sua moglie, che erano quelli che li allevarono. Quando furono adulti, e apprese la loro storia, si vendicarono dello zio Amulio e restituì il potere di Alba Longa a suo nonno Numitor

Fu allora che decisero di fondare una città sulle rive del Tevere, dove erano stati allattati dalla lupa. Tuttavia, i fratelli Romolo e Remo discussero sul luogo esatto in cui la città avrebbe dovuto essere fondata, così furono consultati sul volo degli uccelli, un metodo usato dagli Etruschi.

Decisero di contare gli avvoltoi che vedevano sui sette colli: il Palatino, l’Aventino, il Campidoglio, il Celio, il Quirinale, l’Esquilino e il Viminale. Romolo vide dodici avvoltoi volare sopra la collina palatina, mentre Remus ne individuò sei su un altro.

Di fronte al disaccordo degli avvoltoi che avevano visto sorvolare l’area, Rómulo delimita un complotto sul Colle Palatino per fondare la nuova città e giurò che avrebbe ucciso chiunque l’avesse attraversata. Remo disobbedì a suo fratello e oltrepassò il limite, così Romolo lo uccise e si proclamò primo re di Roma. Questo evento si è verificato nel 754 a.C.

roma, guía de roma, turismo roma, guía turistica de roma, guía de turismo de roma conocer roma, ir a roma, viaje a roma, viajar a roma, turismo en roma, viajes roma, foro romano, roma antigua, ruinas romanas, coliseo

Fori Imperiali

La vera storia di Roma

In realtà, la storia della città risale a più di 2.700 anni fa. Nello specifico, all’VIII secolo a.C. Le rive del Tevere erano abitate da colonie latine, che fondarono piccoli villaggi. Nel corso del tempo, si sono riuniti fino a diventare organizzazioni più complesse e organizzate, in cui è stato nominato un sovrano o un re, un’assemblea, il senato corrispondente e un esercito è stato creato.

Nell’età di Cristo, Roma era già diventata la capitale del più grande e potente Impero dell’epoca. Nel Medioevo e dopo le invasioni barbariche iniziò la decadenza di Roma che si trasformò in una città diroccata e poco popolata. La situazione non sarebbe cambiata fino a mille anni dopo.

Nel Rinascimento, Roma si trasforma in una maestosa capitale, e ridiventa la città che era stata una volta. In lei hanno sviluppato centinaia di movimenti artistici e culturali, supportati dai loro dirigenti e leader religiosi di quel tempo.

È l’origine dell’età d’oro di Roma, in cui compaiono un gran numero di artisti di importanza mondiale, come Michelangelo e Raffaello. Inoltre, la Chiesa cattolica ordina la costruzione di numerosi templi in tutta la città, trasformandola così in una capitale religiosa, sede della cristianità.

L’esplorazione e la trasformazione della città continua a crescere, con movimenti come il barocco. Oggi, Roma è un museo a cielo aperto, che mette a confronto le sue rovine archeologiche vecchie di chilometri con quelle moderne.

Torna su