Dopo 2.000 anni, il Colosseo è diventato un vero simbolo della Città Eterna. Nonostante il suo stato di conservazione non sia proprio eccellente, i suoi resti lasciano sognare e immaginare come doveva essere nel suo massimo splendore.

Coliseo romano y Arco de Constantino.

 

 

Vista panorámica del Colosseo e dell’Arco di Costantino.

 

Ogni anno il Colosseo attira più di sei milioni di viaggiatori da tutto il mondo, desiderosi di scoprire quali storie e segreti si nascondono tra le sue pietre. L’anfiteatro è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO ed è diventato, il 7 luglio 2007, una delle sette meraviglie del mondo moderno.

Situato nel cuore archeologico della città antica di Roma, l’Anfiteatro di Flavio, o meglio conosciuto con il Colosseo, permette di intuire la monumentalità della capitale dell’Impero Romano.

Storia del Colosseo

Fu eretto nel 72 d.C. dall’imperatore Vespasiano, della dinastia Flavia, presso un lago sul terreno della Domus Aurea, di proprietà di Nerone.

Il Colosseo divenne poi il più grande anfiteatro di Roma e prese il nome da una scultura che gli sorgeva intorno, il Colosso di Nerone. Ed è che le sue dimensioni sono impressionanti. Progettato a forma di ovale, si estende per 189 metri di lunghezza per 156 metri di larghezza, con un’altezza nella parte più alta di 54 metri.

Nella sua costruzione 700.000 tonnellate di pietra sono state utilizzate insieme da 300 tonnellate di morsetti di ferro. L’edificio era coperto da un sofisticato sistema di tende mobili, il velarium, che consentiva la protezione dal sole e dalla pioggia.

L’ingresso e l’uscita agli spalti avveniva attraverso il vomitorium, in ciascuna delle sezioni, che comunicava con le gallerie interne, a loro volta collegate da una scala. L’interno dell’edificio è stato realizzato in mattoni, mentre l’esterno è stato rivestito in pietra.

scenario di grandi spettacoli

 

Durante il periodo dell’Impero Romano, il Colosseo romano poteva ospitare più di 55.000 persone, che accedevano al suo interno attraverso uno dei suoi 80 archi. Esecuzioni di prigionieri, rievocazioni di battaglie e combattimenti tra gladiatori erano alcuni degli spettacoli preferiti dai romani.

In altre parole, il Colosseo è stato teatro di grandi eventi sociali che hanno riunito cittadini romani di tutti i ceti sociali, anche se strettamente differenziati.

L’imperatore sedeva in una fila preferita, chiamata podio, nell’ala sud dell’edificio. Il console sedeva in una scatola sul lato opposto. Entrambi avevano un accesso particolare.

I senatori, magistrati e sacerdoti furono posti nel primo tribuno. Su un altro livello e sopra di loro, aristocratici, cittadini ricchi, poveri e donne, in un ordine rigoroso secondo il loro status sociale. Gli spettatori accedevano ai loro posti tramite scale, che portavano ai vari livelli dell’anfiteatro. In totale, circa 80 file di tribune a cui si accede da 80 porte numerate.

L’imperatore ha presieduto gli spettacoli che si svolgevano al Colosseo. A volte hanno iniziato con numeri da circo con addestratori e animali.

I gladiatori erano schiavi, prigionieri di guerra o criminali condannati, per lo più uomini, anche se occasionalmente c’erano donne.

Ogni volta che una persona moriva, uomini vestiti da Caronte prendevano i corpi e preparavano il terreno per un nuovo combattimento.

Se un gladiatore veniva ferito, il suo destino dipendeva dal favore del pubblico. Il pollice in alto dell’imperatore significava perdono, mentre se lo metteva giù, era la morte.

Sotto l’arena, una piattaforma di legno era l’accesso degli animali e dei gladiatori allo stadio. Nei sotterranei del Colosseo, dozzine di gabbie metalliche protette da arcieri, rinchiudevano gli animali affamati. Oggi si può visitare, insieme al Belvedere, prenotando un tour speciale.

Circa 400.000 schiavi e un milione di animali selvatici, tra cui leoni, tigri, iene, elefanti, zebre, orsi o giraffe, morirono nella sabbia prima della sete di sangue di un pubblico esasperante. Questi animali sono stati portati da paesi remoti dell’Asia e del Nord Africa. Nell’anno 248 d.C., in occasione del millennio della fondazione di Roma, morirono centinaia di animali selvatici.

il Colosseo oggi

Il Colosseo rimase in funzione fino al VI secolo. Da allora ha subito saccheggi, terremoti e bombardamenti, è stato addirittura utilizzato per decenni come magazzino, cimitero o come castello per la nobiltà.

Nel Rinascimento la pietra è stata utilizzata per la costruzione di palazzi, ponti e alcune zone della Basilica di San Pietro.

Oggi, ogni Venerdì Santo, il Papa presiede la Via Crucis del Colosseo. L’anfiteatro è da sempre un luogo strettamente legato alla Chiesa e in quel particolare giorno ricorda i primi cristiani che morirono nell’arena.

Visitare il Colosseo senza code

Il modo migliore per visitare il Colosseo, il Foro Romano e il Palatino è acquistare i biglietti online o noleggiare un tour che eviti le file lunghe e infinite e ti spieghi l’edificio (consigliato al 100%).

Un’altra opzione è quella di visitare prima il Palatino e il Foro, poiché l’ingresso è combinato per i tre monumenti e non c’è più la fila. Andresti direttamente all’interno del Colosseo.

Oppure arrivare la mattina presto al Colosseo facendo la fila per assicurarti il minimo di attesa e vederlo così con il minimo di persone. A mezzogiorno la folla diminuisce notevolmente.

Infine, acquista la Roma Pass card, una tessera sconti che offre l’ingresso gratuito e salta fila all’anfiteatro.

orario

Apre le sue porte dalle 8:30 alle 16:30 in inverno e fino alle 19:15 in estate.

Rimane chiuso il 25 dicembre, il 1 gennaio, il Venerdì Santo e il 1 maggio.

tariffe

Biglietto normale: 12 €. Tariffa ridotta: € 7,50 (per i cittadini degli U. E. tra i 18 ei 24 anni). Ingresso gratuito: per i cittadini degli U. E. fino a 18 anni e oltre i 65 anni.

Le biglietterie chiudono un’ora prima e se ci sono eventi speciali potresti dover pagare un po ‘di più.

Come arrivare al Colosseo

Piazza del Colosseo, 00184 Roma. Metro Colosseo, línea B.

Torna su